Vai al contenuto
solidsnake

Mugello, caduta per Rossi frattura di tibia e perone

Recommended Posts

Spaventoso incidente per Valentino durante il secondo turno di prove ufficiali: frattura scomposta ed esposta alla gamba destra. Il pilota è sotto anestesia e sarà operato oggi a Firenze. Prognosi di circa due mesi

 

 

SCARPERIA, 5 giugno - Sarà operato oggi stesso al Cto di Firenze Valentino Rossi, per ridurre la frattura. E' quanto annunciato dal dottor Costa, responsabile della clinica medica. Lo opererà il professor Roberto Buzzi. «Abbiamo deciso di farlo operare subito, ma non affretteremo i tempi del recupero. Sarà una guarigione normale», ha dichiarato il Team Manager della Yamaha Davide Brivio. Alle 11.52 il pilota è uscito in barella dal centro medico ed è stato trasferito a Firenze in elicottero.

 

TIBIA E PERONE ROTTI - Caduta e frattura di tibia e perone per Valentino Rossi. Il dottor Macchiagodena del Medical Center del Mugello ha annunciato che Il pluricampione della MotoGp ha subito una «frattura scomposta ed esposta (l'osso ha bucato la pelle e ne è fuoriuscito, ndR) del quarto distale della gamba destra». Coinvolto non solo la tibia ma anche il perone. Il medico ha anche dichiarato che il suo staff è intervenuto in loco immediatamente per ridurre subito la frattura, tutto questo mentre il pilota è sotto anestesia. Non ci sono lesioni nervose né vascolari e l'equipe medica sta decidendo se portare Rossi in elicottero a Massa per essere operato. I tempi di recupero sono lunghissimi: due o tre mesi, senza complicazioni.

 

LA CADUTA - Valentino Rossi è caduto durante il secondo turno di prove ufficiali alle curve "Biondetti" del circuito del Mugello. Il pilota di Tavullia è incappato in un "high side", ed è stato sbalzato dalla sua moto sbattendo fortemente la parte bassa della gamba destra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mondiale finito dai, bravo Lorenzo.

 

C'è preoccupazione in Mediaset per Guido Meda, non si è più visto e si teme per il gesto inconsulto.

Modificato da LeLe

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cavolo, già in pista é tornato...

 

Si vede che non sono poi così indispensabili tibia e perone, in moto... E' passato un mese, una frattura ben curata in un mese ti permette già di fare quasi tutto evitando grossi carichi, che in moto non hai (penso, almeno, che il freno non sia un problema su una moto di quelle, non come in una formula 1, dove devi pestare come un culturista alla pressa)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cavolo, già in pista é tornato...

 

Si vede che non sono poi così indispensabili tibia e perone, in moto... E' passato un mese, una frattura ben curata in un mese ti permette già di fare quasi tutto evitando grossi carichi, che in moto non hai (penso, almeno, che il freno non sia un problema su una moto di quelle, non come in una formula 1, dove devi pestare come un culturista alla pressa)

Il freno posteriore lo usano solo in curva per correggere la traiettoria in caso non sia ottimale. Evidentemente per girare da solo non serve.

In garà, però, farne a meno non credo sia così indolore (per uno come Rossi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Più che altro mi chiedo (tocchiamo ferro) cosa succederebbe in caso di ulteriore caduta...

 

normalmente usano dei tutori rigidi e quella parte è in ogni caso la più protetta, poi ovviamente l'uso ed il conseguente pericolo sarà graduale ...

Modificato da PsicoEpatico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi è Online   0 Utenti, 0 Anonimo, 73 Ospiti Visualizza tutti

    Non ci sono utenti registrati online

×