Jump to content
B.A.BARACUS

E' morto Shoya Tomizawa

Recommended Posts

Il giapponese non è sopravvissuto al pauroso incidente accaduto durante il GP poi vinto da Elias: il diciannevenne pilota è stato investito in pieno da De Angelis e Redding. Inutili la rianimazione e il trasporto all'ospedale di Riccione. In 125 ha vinto Marquez

 

 

MISANO ADRIATICO (Rn), 5 settembre 2010 - Il terribile incidente nel corso della prova delle Moto2 del GP di San Marino è costato la vita a Shoya Tomizawa. Il diciannovenne giapponese è caduto in piena accelerazione ed è stato poi investito da Alex De Angelis e Scott Redding che sopraggiungevano da vicino e non potevano evitarlo.

 

 

Soccorsi — Durante i primissimi soccorsi Tomizawa era stato rianimato perché aveva subito un arresto cardiaco. Il pilota era in coma dal momento dell'incidente. Il dott. Claudio Macchiagodena, reponsabile medico del Motomondiale, ha spiegato che Tomizawa ha riportato fratture multiple toraciche, addominali e craniche e che c'erano anche emorragie interne.

 

Stabilizzato — In un primo tempo era stato stabilizzato per consentire il trasporto in ambulanza. Poi però è arrivata la notizia che non ce l'ha fatta. Anche Redding, che non è in condizioni gravi, è stato portato in ospedale. Il britannico è cosciente. Nessun graffio per De Angelis. La gara è stata poi vinta dallo spagnolo Elias.

 

Le reazioni — Inevitabilmente molto scossi i colleghi piloti. Daniel Pedrosa: "Mi hanno detto adesso cosa è successo - ha detto il pilota della Honda dopo la gara della MotoGP - non ci sono parole". Valentino Rossi: "Quando succedono queste cose il resto non conta, noi siamo stati informati alla fine della nostra gara. È stato un incidente bruttissimo, lo avevo visto prima della 125. Peccato davvero". Tristezza anche nelle parole di Jorge Lorenzo: "La gara oggi non conta". Il dott. Claudio Costa, responsabile della Clinica Mobile, ha spiegato così l'incidente: "È stato terribile con lesioni terribili. È stato fatto un lavoro egregio al centro medico, in ambulanza e nell'ospedale di Riccione. Poi, Tomizawa ci ha salutato alle 14.19".

 

Altre reazioni — Affranto anche Alex De Angelis, direttamente coinvolto nell'incidente: "Sono veramente distrutto per quanto accaduto a Shoya - ha detto - sono vicino alla sua famiglia e a tutti quelli che gli hanno voluto bene. In merito alla gara ho reso le mie dichiarazioni nell´immediatezza dell´incidente quando ancora non sapevo della gravità delle conseguenze e al momento non intendo dichiarare altro; in momenti come questo passa tutto in secondo piano". Il pluricampione del mondo Giacomo Agostini è più fatalista, anche con riferimento alla morte del giovanissimo Peter Lenz, morto a Indianapolis domenica scorsa: "Ho sempre detto che cominciare troppo giovani non va bene. A 16 anni puoi fare le piccole e a 18 le grandi - ha detto - l'incidente di Indianapolis poteva succedere anche a me. Oggi un altro incidente che ha toccato un po' tutti. Purtroppo è il nostro mestiere, non vorremno che succedesse mai e a i miei tempi succedeva una domenica sì e una no. Facciamo questo mestiere, dove si va a 300 allora, non facciamo i farmacisti".

 

Fonte: gazzetta.it

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se qualcuno ha visto la gara e al momento non trovo video sul tubo, tutti rimossi a causa di quella merda di dorna sports.

 

Incidente bruttissimo e sfortunatissimo, è caduto restando in scia, sarebbe bastato andare mezzo metro di traverso e De Angelis e Redding non se lo sarebbero trovato sotto la ruota. La sorte ha voluto così.

 

RIP

Edited by B.A.BARACUS

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non so se qualcuno ha visto la gara e al momento non trovo video sul tubo, tutti rimossi a causa di quella merda di dorna sports.

 

Incidente bruttissimo e sfortunatissimo, è caduto restando in scia, sarebbe bastato andare mezzo metro di traverso e De Angelis e Redding non se lo sarebbero trovato sotto la ruota. La sorte ha voluto così.

 

RIP

 

Visto al tiggì, sfiga paurosa purtroppo...

 

 

R.I.P.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Incidente visto in diretta alla tv... da rabbrividire.

 

inconcepibile che appena escono dalla traettoria volino via : sicurezza ZERO !

Sicurezza? Loro sono li per correre costantemente al limite, è una gara.. Ci fosse stato un altro metro di asfalto prima del cordolo, l'avrebbero sfruttato tutto e sarebbero comunque andati a passare sul cordolo, proprio perché è correndo al limite che vinci..

Di cadute così se ne sono viste tante in passato.. L'incidente è diventato tragedia perché c'erano due piloti subito dietro.. se fosse stato da solo in pista al massimo si sarebbe procurato una frattura nella caduta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Incidente visto in diretta alla tv... da rabbrividire.

 

inconcepibile che appena escono dalla traettoria volino via : sicurezza ZERO !

Sicurezza? Loro sono li per correre costantemente al limite, è una gara.. Ci fosse stato un altro metro di asfalto prima del cordolo, l'avrebbero sfruttato tutto e sarebbero comunque andati a passare sul cordolo, proprio perché è correndo al limite che vinci..

Di cadute così se ne sono viste tante in passato.. L'incidente è diventato tragedia perché c'erano due piloti subito dietro.. se fosse stato da solo in pista al massimo si sarebbe procurato una frattura nella caduta

certo ma ... se invece di trovare del materiale scivoloso fuori traettoria trovassero del materiale "rallentatore" tipo le corse nei videogiochi ? Oppure una regola che ti penalizza di un secondo ogni volta che superi la riga ?

 

AH NO ! ne perderebbe lo spettacolo , vuoi mettere quanto sale l'odience quando ci sono incidenti ? Mi pare che negli USA ci siano gare dove lo spettacolo, è, l'incidente insomma i Romani al colosseo ci facevan una pippa .

 

eppoi scusa , hai sempre piloti dietro , diciamo che va bene perchè non succede spesso quando sono in bagarre ad alta velocità .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Incidente visto in diretta alla tv... da rabbrividire.

 

inconcepibile che appena escono dalla traettoria volino via : sicurezza ZERO !

Sicurezza? Loro sono li per correre costantemente al limite, è una gara.. Ci fosse stato un altro metro di asfalto prima del cordolo, l'avrebbero sfruttato tutto e sarebbero comunque andati a passare sul cordolo, proprio perché è correndo al limite che vinci..

Di cadute così se ne sono viste tante in passato.. L'incidente è diventato tragedia perché c'erano due piloti subito dietro.. se fosse stato da solo in pista al massimo si sarebbe procurato una frattura nella caduta

certo ma ... se invece di trovare del materiale scivoloso fuori traettoria trovassero del materiale "rallentatore" tipo le corse nei videogiochi ? Oppure una regola che ti penalizza di un secondo ogni volta che superi la riga ?

 

AH NO ! ne perderebbe lo spettacolo , vuoi mettere quanto sale l'odience quando ci sono incidenti ? Mi pare che negli USA ci siano gare dove lo spettacolo, è, l'incidente insomma i Romani al colosseo ci facevan una pippa .

 

eppoi scusa , hai sempre piloti dietro , diciamo che va bene perchè non succede spesso quando sono in bagarre ad alta velocità .

 

 

dragoverde, in casi come quello non c'è sicurezza che tenga, è stata pura fatalità, si vede che era arrivato il suo momento, e basta.

Quella caduta è una come tante, niente di pericoloso, si cade si scivola, ci si rialza.

Purtroppo per lui però, è rimasto in scia, cosa che non succede praticamente mai, quando sei in uscita in accellerazione a piena manetta, solitamente se vai a terra, per forza di cose vai verso l'esterno della curva, non succede mai che resti perfettamente in traiettoria. Il caso ha voluto che dietro di lui ci fossero altri 2. Un insieme di eventi non prevedibili da nessuna norma di sicurezza. Che fai? Metti la distanza di sicurezza in pista come si fà in autostrada? A me dispiace, ma le gare di motori hanno i loro rischio, si sa che può succedere, anche se non ci si pensa, tranne quando poi succede.

Hai visto che volo ha fatto de angelis? quello si sarebbe dovuto ammazzare, e invece, manco un graffio.

Edited by B.A.BARACUS

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo che anche i due dietro che l'hanno centrato, per quanto incolpevoli non deve essere facile da digerire una roba simile...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo che anche i due dietro che l'hanno centrato, per quanto incolpevoli non deve essere facile da digerire una roba simile...

Mi fanno sinceramente più "pena" loro che Tomizawa... so come mi sono sentito io quando ho investito una signora che mi ha tagliato la strada (lei motorino e io macchina) ed ero convinto di averla ammazzata, finché non mi sono girato e ho visto che si era solo rotta un piede... e immagino come possano sentirsi loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

certo ma ... se invece di trovare del materiale scivoloso fuori traettoria trovassero del materiale "rallentatore" tipo le corse nei videogiochi ? Oppure una regola che ti penalizza di un secondo ogni volta che superi la riga ?

Il materiale scivoloso non è messo li apposta.. E' che la vernice dei cordoli è più scivolosa, per non contare il fatto che in una pista per moto l'unica parte gommata (ovvero che offre la dovuta aderenza alla gomma) è un "canalone" di un metro di spessore, lungo la traiettoria ideale. Appena esci dalla zona gommata, magari anche per un sorpasso, aumenta sensibilmente il pericolo di cadere.

Propongo che nel regolamento 2011 ci sia l'obbligo di non superare, tutti devono rimanere all'interno della traiettoria ideale. ;)

 

AH NO ! ne perderebbe lo spettacolo , vuoi mettere quanto sale l'odience quando ci sono incidenti ? Mi pare che negli USA ci siano gare dove lo spettacolo, è, l'incidente insomma i Romani al colosseo ci facevan una pippa .

Ti assicuro che nella motogp non serve un incidente per avere lo spettacolo... Fosse per me vorrei tutte staccate al limite, derapate, bagarre.. ma senza una caduta.

E' che, ripeto, il pilota vuole vincere, e per vincere fa di tutto, compreso rischiarsela e andare a frenare sul cordolo non gommato. In passato ho visto Rossi uscire di curva talmente scatenato da oltrepassare il cordolo e fare parte dell'accelerazione su asfalto (quando va bene) e terra (quando va male). Ho visto Rossi superare Stoner al cavatappi, in una curva cieca, mettendo entrambe le ruote nella terra pur di farlo.

Lo spettacolo c'è, ma non deriva per forza dagli incidenti, anzi...

 

eppoi scusa , hai sempre piloti dietro , diciamo che va bene perchè non succede spesso quando sono in bagarre ad alta velocità .

Hai sempre piloti dietro, ma data la classica dinamica della caduta, è raro restare sulla pista quando si cade, e anche li basta che ci sia qualche metro tra te ed i piloti inseguitori, che di solito ti evitano.. Guarda quello successo a Dovizioso la scorsa gara, si è trovato per terra in mezzo alla pista, ma fortunatamente gli inseguitori erano leggermente più distanti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo che anche i due dietro che l'hanno centrato, per quanto incolpevoli non deve essere facile da digerire una roba simile...

Mi fanno sinceramente più "pena" loro che Tomizawa... so come mi sono sentito io quando ho investito una signora che mi ha tagliato la strada (lei motorino e io macchina) ed ero convinto di averla ammazzata, finché non mi sono girato e ho visto che si era solo rotta un piede... e immagino come possano sentirsi loro.

 

 

Infatti, sai ieri cosa ha detto il dott. Costa?: abbiamo un ragazzo morto e due da recuperare psicologicamente.

 

voi avreste preferito essere morti o da recuperare psicologicamente ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

voi avreste preferito essere morti o da recuperare psicologicamente ?

non credo di aver detto che fosse "preferibile" essere morto o che Tomizawa sia stato il più "fortunato" dei tre... e nemmeno lo penso. Tomizawa ormai è morto e per lui non si può fare niente... anche dispiacersi ha poco senso, visto che del nostro cordoglio non sa più che farsene, purtroppo per lui.

Alla fine di questa tragedia, comunque, non è l'unica vittima... ce ne sono due che ancora camminano, per carità, ma che non è detto riescano a sopportare facilmente il peso di quanto involontariamente fatto.

 

Tutto qua.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Who's Online   0 Members, 0 Anonymous, 5 Guests (See full list)

    There are no registered users currently online

×