Jump to content
mmorselli

Auto elettrica, la superbatteria vuol sfidare il mercato cinese

Recommended Posts

Auto elettrica, la superbatteria vuol sfidare il mercato cinese

 

Inventata da Marco Loglio, direttore tecnico della Vantage Global Power, emigrato 12 anni fa a Shenzen. Con una carica 800 chilometri. «Puntiamo anche all’Europa»

 

 

 

1-marco%20loglio-U430001791716823u9B-110

 

Marco Loglio La nostalgia per Bergamo ( e la polenta) che c’è per tutto l’anno, in questo periodo natalizio si trasforma, diventando una più acuta mancanza degli affetti familiari e del panettone. «Avrei tanto voluto tornare a casa, ma sono rimasto qui a mangiare riso e a godermi la soddisfazione di un anno di lavoro». Marco Loglio, bergamasco doc, 57 anni studi al Lussana e una laurea in filosofia («Che mi serve per prendere con filosofia le mie sperimentazioni», scherza), parla della sua batteria al litio vanadio, finalmente pronta per essere commercializzata, inizialmente sui mercati asiatici come di un «regalo sotto l’albero». Nel novembre di un anno fa, una M300, una specie di Multipla costruita in Cina su licenza della Fiat, accessoriata con una batteria di sua invenzione e messa in strada dalla Vantage Global Power, la società di cui è direttore tecnico, aveva segnato il record di autonomia, percorrendo 800 km. Tutti in un colpo solo, senza bisogno di ricarica da Shenzen (dove Loglio si è trasferito 12 anni fa, a 9.300 km da Bergamo) a Nanning, quando lo standard delle auto in commercio è di 200 km, con uno sviluppo di potenza di 250 watt contro i circa 80 delle principali case automobilistiche votate all’elettrico, Citroen e Peugeot e Nissan (la Lear della casa giapponese è l’autoelettrica più venduta al mondo). Dopo uno sviluppo di prodotto durato più di un anno, le batterie al litio vanadio hanno raggiunto il mercato e sono già disponibili ad un prezzo competitivo: circa la metà del costo di ogni altra batteria al litio in circolazione. Il concetto commerciale ed energetico insieme della «Loglio-batteria» si può riassumere nel concetto «grande resa e poca spesa».

 

«Con queste batterie, il falso mito dei pacchi batterie costosi ed inefficienti è sfatato - afferma con malcelato orgoglio l’inventore bergamasco -. D’ora in poi sarà possibile costruire veicoli elettrici di ogni tipo con autonomie nettamente superiori a quelle oggi disponibili e a prezzi inferiori. Come già qualche futurologo va dicendo, le auto a combustione interna diverranno presto obsolete e le vetture elettriche saranno la realtà quotidiana per milioni di conducenti e passeggeri». La batteria di Loglio si basa su quattro elementi metallici, tra i quali il litio e il vanadio, materiali non particolarmente costosi, ma il vero colpo di genio sta nella gestione elettronica dell’intero sistema, semplificato e reso più efficiente.

 

«Le batterie - prosegue - hanno dimostrato in questo anno di test di essere del tutto sicure, con una lunga vita ciclica, superiore anche a quella della migliore concorrenza. Oltre ad essere la soluzione ideale per ogni veicolo elettrico possono essere utilizzate ora anche nel settore dell’elettronica di consumo e anche nei sistemi stazionari di accumulo energia, con costi ed ingombri di gran lunga inferiori a quelli oggi riscontrabili sul mercato». La produzione delle celle di cui la batteria si compone è stata avviata in diversi paesi, tra cui Giappone e Corea del Sud, e le celle sono disponibili in diversi formati, sia di tipo cilindrico che prismatico, con amperaggi e voltaggi differenziati a seconda dell’impiego. Tutto futuribilmente affascinante, ma il prezzo? «È di soli 160 dollari al kilowatt».

 

E per spiegare quel «soli», l’inventore bergamasco chiama in causa Alan Mulally, presidente e Ceo della Ford: «Si è lamentato recentemente sostenendo che le batterie al litio della Focus elettrica sono troppo costose per la Ford. Ha dichiarato di pagarle oltre 600 dollari al kilowatt. Le sue dichiarazioni volevano giustificare la scarsa autonomia con il prezzo alto delle batterie; le mie costano poco e l’autonomia delle auto su cui potrebbero essere montate può essere raddoppiata con un costo del veicolo che può diventare addirittura inferiore a quello attuale. Nelle auto elettriche la batteria è il “cuore”, il vero motore, ma con tanti vantaggi in più, sia in termini di risparmio energetico e di eco compatibilità. Anche Mulally non ha più alibi». Dall’invenzione alla commercializzazione il passo non è breve. «Le aziende automobilistiche hanno contratti blindati, ma diverse realtà industriali stanno mostrando grande interesse, Adesso siamo alla ricerca di distributori sia per il mercato italiano che per quello europeo». Per Loglio, attivo nel settore delle batterie ad alta densità di energia da oltre 20 anni, questa è la realizzazione di un sogno cominciato alla fine degli anni Ottanta quando aveva lanciato la Torpedo, la prima autoelettrica bergamasca adattamento di una Seat che fu venduta in poche centinaia di pezzi, ma che era piaciuta anche alla Volkswagen. Chissà che da Wolfsburg non arrivi una telefonata. Ai sogni, dimostra la «Loglio Batteria», basta solo crederci.

 

Source: Auto elettrica, la superbatter...l mercato cinese - Corriere.it 16.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'elettrico mi affascina particolarmente... Ho scoperto per altro da poco che quest'anno inizia il campionato di Formula E ... La formula 1 elettrica. Con le macchine che invece che fare "WROOOOOOOOOMMMMM!!!" fanno "Hhiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii" ... delle polistil giganti :folle:

 

https://www.youtube.com/watch?v=fdhsOEhw7IY

Share this post


Link to post
Share on other sites

a me interessa lo sviluppo delle batterie, più che della macchina elettrica

 

nell'articolo mancano i dati

 

 

parla di un fantomatico 250w... che di per sè non dice nulla, un po' come dire 250 litri

 

se fossero 250wh diciamo che è la potenza di un ciclista di 70 anni

 

 

io odio questi articoli fatti a cazzo che non dicono nulla

tuttavia non mi sembra di vedere nulla di innovativo.... litio... e siamo sempre lì, non si va a nozze coi fichi secchi

Share this post


Link to post
Share on other sites

qui a milton keynes ci sono le colonnine per strada, di solido vicino ai parcheggi, dove si possono caricare le auto elettriche e pagare dal telefonino

 

Sent from my GT-I9505 using Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'articolo è scritto alla cazzo, la potenza sarebbe dovuta essere espressa in Watt/h per chilogrammo, confrontato con la Nissan Leaf che fa 80W/h x kg. Lui però dice che la batteria è basata su tecnologia tradizionale, ioni di litio, ma modificata nella gestione della carica, nel controllo termico (è raffreddata a liquido) e nel packaging, dove appunto farebbe la differenza rendendola molto meno costosa e stipando più energia per unità di peso e di volume.

 

 

Qui un articolo sul Sole24ore, del 2012, quando avrebbe fatto questi 800Km con la multipla modificata, che spiega un po' meglio dato che ci sono pezzi di intervista:

 

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2012-11-24/vanadio-multipla-elettrica-corre-150921.shtml

Share this post


Link to post
Share on other sites
roma è piena di colonnine... non funzionanti e non servibili in quanto ci parcheggiano pure sopra

io non ho idea di come le grandi città italiane siano attrezzate da questo punto di vista....

 

Sent from my GT-I9505 using Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

io non ho idea di come le grandi città italiane siano attrezzate da questo punto di vista....

Ma le colonnine saranno anche una bella cosa, ma oggi per me non servono a un tubo per le auto completamente elettriche. Per il 99% delle volte bisognerebbe uscire contando di farcela ad andare e tornare, caricandola a casa tua, non puoi fare i conti sulla colonnina, significherebbe che se per caso non la trovi o non è libera torni a piedi, è inaccettabile. Questa "multipla" da 800Km permetterebbe a molti di farlo, il massimo che potrei fare in una giornata sono 700Km, 350 andata e 350 ritorno, se ne faccio più di 350 probabilmente sto andando in un posto in cui passerò la notte.

 

Le colonnine possono servire per le ibride plug-in, quelle che fanno 40Km con la batteria, allora poterne aggiungere 20 o 30 mentre stai facendo la spesa può servire a girare tutto il giorno senza attaccare mai il motore a benzina.

Share this post


Link to post
Share on other sites

in Watt/h per chilogrammo....... 80W/h x kg

Il simbolo del diviso tra "w" ed "h" è errato. Si esprime così: kWh.

 

 

Per il momento è un articolo di giornale... vedremo se seguirà qualcosa.

Edited by TILTaccitua

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

in Watt/h per chilogrammo....... 80W/h x kg

Il simbolo del diviso tra "w" ed "h" è errato. Si esprime così: kWh.

 

 

 

lo sanno anche i bambini deficienti, ma non quel pirla morsello :folle:

Share this post


Link to post
Share on other sites

lo sanno anche i bambini deficienti, ma non quel pirla morsello :folle:

Per correggere gli altri bisognerebbe essere certi di non essere in errore a propria volta :graduate:

 

"L'uso della notazione "kWh" (MWh, mWh, etc.) non è conforme alla norma del Sistema Internazionale. Secondo quest'ultimo, è da preferire la notazione kW·h, con l'esplicita evidenza del simbolo di moltiplicazione tra le due unità che formano il simbolo. In alternativa al punto prodotto '·' è ammesso l'uso del mezzo spazio, che però potrebbe trarre in inganno, perciò alcuni, in mancanza del '·', preferiscono usare un simbolo usato in informatica per indicare il prodotto, ovvero l'asterisco '*' (quindi kW*h)."

 

 

bambini deficienti e rosiconi :folle:

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

lo sanno anche i bambini deficienti, ma non quel pirla morsello :folle:

Per correggere gli altri bisognerebbe essere certi di non essere in errore a propria volta :graduate:

 

"L'uso della notazione "kWh" (MWh, mWh, etc.) non è conforme alla norma del Sistema Internazionale. Secondo quest'ultimo, è da preferire la notazione kW·h, con l'esplicita evidenza del simbolo di moltiplicazione tra le due unità che formano il simbolo. In alternativa al punto prodotto '·' è ammesso l'uso del mezzo spazio, che però potrebbe trarre in inganno, perciò alcuni, in mancanza del '·', preferiscono usare un simbolo usato in informatica per indicare il prodotto, ovvero l'asterisco '*' (quindi kW*h)."

 

 

bambini deficienti e rosiconi :folle:

 

 

ma sei collione?

 

non vedo la tua formula "W/h" :folle:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premesso, mmors, che in ogni caso il tuo modo di scrivere è quello più sbagliato,

sorvolo, mmors, sul fatto che tu subito hai fatto il professorino wikipedico ignorando bellamente che avevi fatto proprio la figura dell'ignoranterrimo

tuttavia, mmors........ hai rosicato divinamente. :folle:

Share this post


Link to post
Share on other sites

si, ma lui deve fare sempre il collione della situazione :folle:

 

 

si e' subito attivato con wiki il rosicone :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Who's Online   0 Members, 0 Anonymous, 5 Guests (See full list)

    There are no registered users currently online

×