Jump to content
Acchiappa Mostri

StarBene è un tuo Diritto!

Recommended Posts

e ti ho anche toccato anche un pò io trasmettendoti assaggi dell'infelicità

Tu hai tanto lavoro che ti attende... ma il tempo non è un problema;

il tempo non esiste.... quindi non temere e continua così che vai benissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

e ti ho anche toccato anche un pò io trasmettendoti assaggi dell'infelicità

Tu hai tanto lavoro che ti attende... ma il tempo non è un problema;

il tempo non esiste.... quindi non temere e continua così che vai benissimo.

 

 

io lavoro sodo su di me, anche nei lavori che ho fatto, il cameriere di un ristorante, un anno senza mai e poi mai arrivare in ritardo sul lavoro e non sono mai mancato un solo giorno, questo me lo faceva notare la gente e sopratutto la figlia di una titolare, mi guardava "stranita" però io non capivo bene cosa volesse dire e perchè lavoro sodo e non manco mai

Share this post


Link to post
Share on other sites

... su i denti

si migliorano di anno in anno,

protesi che addirittura favoriscono il lavoro di

sentire come denti propri le dentiere, lo vedo su mammuzza.

Io nn mi sono ancora deciso se metterne una

Edited by Acchiappa Mostri

Share this post


Link to post
Share on other sites

vivo meglio/bene grazie alla mia medicina, è stata una tortura fino a 5 anni fà. Ma è possibile che siano passati 5 anni? se lo chiedo a mammuzza mi dice un paio d'anni, sul Palexia, anche io ho la sensazione che siano passati 2 anni, e invece sono 5 dal 2013, o mi sfugge qualcosa? la diagnosi di malattia mentale è subdola, non si dovrebbe fare a meno che non lo si è veramente, malati, ma io non lo sono, voglio il risarcimento danni, non mi fermerò mai finche non mi coprono di soldi, e non essere destinato a vivere con 280 euro /mese

Edited by Acchiappa Mostri

Share this post


Link to post
Share on other sites

parlami un pò della morte ...

Dimmi cosa intendi per "morte".

 

Si muore tutti i giorni, quando ci si addormenta.

Si muore quando si nasce; si muore al mondo dal quale veniamo.

Si muore alle varie fasi di cambiamento della nostra vita.

Si muore a questa vita, quando si abbandona il corpo.

Si muore durante una anestesia.

Si muore ogni qualvolta facciamo un cambiamento o prendiamo una decisione piuttosto che un'altra.

 

Cos'è che vuoi sapere?

 

Il momento del trapasso?

Il dopo trapasso?

Se sì, dammi un arco temporale; anche perchè nell'altra vita ci sono molte fasi.

Vuoi sapere cosa ci aspetta?

Vuoi sapere chi ci aspetta?

 

Ma, soprattutto, v'è in te quel qualcosa che ti fa dire "Mmmh, cazzo TILT potrebbe aver ragione" oppure in te non v'è nulla che ti faccia pensare che possa esserci qualcosa dopo l'esistenza terrena?

 

Se in te non esiste quella vocina.... inutile parlarne.

Se in te c'è quella vocina interiore... quanto saresti in grado di comprendere quel che ti andrei a spiegare?

 

Inutile ed impossibile spiegare ad un bimbo di tre anni una derivata integrale.

Non trovi?

Edited by TILTaccitua

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma, soprattutto, v'è in te quel qualcosa che ti fa dire "Mmmh, cazzo TILT potrebbe aver ragione" oppure in te non v'è nulla che ti faccia pensare che possa esserci qualcosa dopo l'esistenza terrena?

 

Se in te non esiste quella vocina.... inutile parlarne.

Giustamente, hai argomenti per convincere solo chi è già convinto :folle:

 

Il punto è che, realmente, la morte non esiste, perché l'esistenza è un concetto, un concetto richiede un soggetto cosciente, ma un morto è tutto tranne che un soggetto cosciente. Noi non siamo infatti mai preoccupati della morte, ma della proiezione che si fa della morte mentre siamo in vita. Per fare un esempio, Immaginate di essere un uomo sposato, magari un cattolico praticante con una posizione sociale importante e rispettata, che alla sera va di nascosto in un albergo a fare festini a base di cocaina e prostitute transessuali. In quella situazione probabilmente preferireste morire a casa nel vostro letto che in quello dell'albergo, perché nel secondo caso ne nascerebbe uno scandalo. Ma perché un morto dovrebbe preoccuparsi di uno scandalo? Che non ci sia nulla o che ci sia un'altra vita, le cose terrene non lo riguardano più, eppure a quel pensiero proverebbe vergogna, perché non siamo in grado di proiettare un pensiero oltre la fine della nostra esistenza, per cui lo proiettiamo sempre all'interno di essa, come se ci accadesse in vita. Morire è un inconveniente che ti accade in vita, da qui l'esserne preoccupati, altrimenti non ci sarebbe proprio ragione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

le cose terrene non lo riguardano più

Non puoi dare certezza a questa affermazione;

anche perchè se le cose terrene ancora lo riguardassero allora tutto il tuo post andrebbe rivisto.

 

Sì, solamente chi ha una strana vocina nella propria mente che gli fa dire "e se avesse ragione lui?" potrebbe comprendere qualcosa di quello che eventualmente direi;

ma chi quella vocina non ce l'ha, esattamente come fai tu quando fai affermazioni lapidarie ma senza aver certezza dell'esattezza di queste affermazioni, non dispone della capacità di poter comprendere alcunchè di quel che direi.

 

Ma non ti sto criticando, tu hai diritto a tenerti le tue convinzioni, seppur fondanti su una ipotesi non dimostrabile.... tipo "le cose terrene non lo riguardano più".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Who's Online   0 Members, 0 Anonymous, 75 Guests (See full list)

    There are no registered users currently online

×