Jump to content
micpiv

THE REAL TESTI TOPIK

Recommended Posts

Anche se Fabrizio è già stato citato due volte ... questa non è ancora stata nominata:

 

La ballata degli impiccati

 

Tutti morimmo a stento

ingoiando l'ultima voce

tirando calci al vento

vedemmo sfumare la luce

 

L'urlo travolse il sole

l'aria divenne stretta

cristalli di parole

l'ultima bestemmia detta

 

Prima che fosse finita

ricordammo a chi vive ancora

che il prezzo fu la vita

per il male fatto in un'ora

 

Poi scivolammo nel gelo

di una morte senza abbandono

recitando l'antico credo

di chi muore senza perdono

 

Chi derise la nostra sconfitta

e l'estrema vergogna ed il modo

soffocato da identica stretta

impari a conoscere il nodo

 

Chi la terra ci sparse sull'ossa

e riprese tranquillo il cammino

giunga anch'egli stravolto alla fossa

con la nebbia del primo mattino

 

La donna che celò in un sorriso

il disagio di darci memoria

ritrovi ogni notte sul viso

un insulto del tempo e una scoria

 

Coltiviamo per tutti un rancore

che ha l'odore del sangue rappreso

ciò che allora chiamammo dolore

è soltanto un discorso sospeso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

PINK FLOYD

 

Wot's... Uh The Deal

Gilmour/Waters

 

heaven sent the promised land

looks alright from where I stand

'cause I'm the man

on the outside looking in

waiting on the first step

show me where the key is kept

point me down the right line

because it's time

 

to let me in from the cold

turn my lead into gold

'cause there's chill wind

blowing in my soul

and I think I'm growing old

 

flash the readies... wots...uh deal

got to make to the next meal

try to keep up with the turning of the wheel

mile after mile stone after stone

you turn to speak but you're alone

a million miles from home you're on your own

 

so let me in from the cold

turn my lead into gold

'cause there's chill wind blowing in my soul

and I think I'm growing old

 

fire bright by candlelight

with her by my side

if she prefers we may never stir again

someone sent the promised land

well I grabbed it with both hands

now I'm the man

on the inside looking out

 

hear me shout come on in

what's the news where you've been

cause there's no wind left in my soul

and I've grown old

 

 

 

Adoro questa canzone... :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Manic Street Preachers - The Love Of Richard Nixon

 

 

The world on your shoulders

The love of your mother

The fear of the future

The best years behind you

The world is getting older

The times they fall behind you

The need it still grows stronger

The best years never found you

 

The love of Richard Nixon, death without assasination

The love of Richard Nixon, yeah they all betrayed you

The love of Richard Nixon, death without assasination

Yeah they all betrayed you

Yeah and your country too

 

Love build around the sandy beaches

Love rains down like Vietnam's leeches

Richard the third in the White House

Cowering behind divided curtains

 

The world is getting older

The times they fall behind you

The need it still grows stronger

The best years never found you

 

Ah, the love of richard nixon, death without assasination

The love of Richard Nixon, yeah they all betrayed you

The love of Richard Nixon, death without assasination

Yeah they all betrayed you

Yeah and your country too

 

The love of Richard Nixon, death without assasination

The love of Richard Nixon, yeah they all betrayed you

People forget China and your war on cancer

Yeah they all betrayed you

Yeah and your country too

 

In all the decisions I have made in my public life,

I have always tried to do what was best for the nation.

I have never been a quitter

Share this post


Link to post
Share on other sites

Estate- Negramaro

 

In bilico

tra santi e falsi dei

sorretto da

un’insensata voglia

di equilibrio

e resto qui

sul filo di un rasoio

ad asciugar

parole

che oggi ho steso

e mai dirò

 

non senti che

tremo mentre canto

nascondo

questa stupida allegria

quando mi guardi

 

non senti che

tremo mentre canto

è il segno

di un’estate che

vorrei potesse non finire mai

 

in bilico

tra tutti i miei vorrei

non sento più

quell’insensata voglia

di equilibrio

che mi lascia qui

sul filo di un rasoio

a disegnar

capriole

che a mezz’aria

mai farò

 

non senti che

tremo mentre canto

nascondo

questa stupida allegria

quando mi guardi

 

non senti che

tremo mentre canto

è il segno

di un’estate che

vorrei potesse non finire mai

 

in bilico

tra santi che

non pagano

e tanto il tempo

passa e passerai

come sai tu

in bilico

e intanto

il tempo passa e tu non passi mai

 

non senti che

tremo mentre canto

nascondo

questa stupida allegria

quando mi guardi

 

non senti che

tremo mentre canto

è il segno

di un’estate che

vorrei potesse non finire mai

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Pink Floyd

Goodbye Blue Sky

 

 

 

"Look mummy, there's an aeroplane up in the sky"

 

Did you see the frightened ones?

Did you hear the falling bombs?

Did you ever wonder why we had to run for shelter when the

promise of a brave new world unfurled beneath a clear blue

sky?

 

Did you see the frightened ones?

Did you hear the falling bombs?

The flames are all gone, but the pain lingers on.

 

Goodbye, blue sky

Goodbye, blue sky.

Goodbye.

Goodbye.

Goodbye.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto che siamo in tema (..e che anva ha postato la canzone che volevo pstare io <_>

 

Pink Floyd

Album: Wish You Were Here

Anno: 1975

 

Testo “Wish You Were Here” originale

 

So, so you think you can tell Heaven from Hell,

blue skies from pain.

Can you tell a green field from a cold steel rail? A smile from a veil?

Do you think you can tell?

 

And did they get you trade your heroes for ghosts?

Hot ashes for trees? Hot air for a cool breeze?

Cold comfort for change? And did you exchange

a walk on part in the war for a lead role in a cage?

 

How I wish, how I wish you were here.

We're just two lost souls swimming in a fish bowl,

year after year,

running over the same old ground. What have we found?

The same old fears,

wish you were here.

 

:P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Velvet Underground

(Lou Reed) 1967

 

I'll be mirror

Sarò il tuo specchio

rifletterò quello che sei

nel caso non lo sapessi

sarò il vento, la pioggia e il tramonto

la luce alla tua porta

per mostrarti che sei a casa

 

Quando credi che la notte

abbia invaso la tua mente

che dentro sei confusa e indurita

lascia che ti mostri che sei cieca

tira giù le mani

perché ti veda

 

Trovo difficile

credere che tu non sappia

la bellezza che sei

ma se non lo sai

lascia che io sia i tuoi occhi

una mano nel tuo buio

perché tu non abbia paura

 

Quando credi che la notte

abbia invaso la tua mente

quando dentro sei confusa e abbrutita

lascia che ti mostri che sei cieca

per piacere tira giù le mani

perché io ti veda

 

Sarò il tuo specchio (rifletterò ciò che sei)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Artista: Renato Zero

Album: L'Imperfetto

Titolo: Nei Giardini Che Nessuno Sa

 

 

 

Senti quella pelle ruvida.

Un gran freddo dentro l’anima,

fa fatica anche una lacrima a scendere giù.

Troppe attese dietro l’angolo,

gioie che non ti appartengono.

Questo tempo inconciliabile gioca contro te.

Ecco come si finisce poi,

inchiodati a una finestra noi,

spettatori malinconici,

di felicità impossibili…

Tanti viaggi rimandati e già,

valigie vuote da un’eternità…

Quel dolore che non sai cos’è,

solo lui non ti abbandonerà mai, oh mai!

E’ un rifugio quel malessere,

troppa fretta in quel tuo crescere.

Non si fanno più miracoli,

adesso non più.

Non dar retta a quelle bambole.

Non toccare quelle pillole.

Quella suora ha un bel carattere,

ci sa fare con le anime.

Ti darei gli occhi miei,

per vedere ciò che non vedi.

L’energia, l’allegria,

per strapparti ancora sorrisi.

Dirti si, sempre si,

e riuscire a farti volare,

dove vuoi, dove sai,

senza più quei pesi sul cuore.

Nasconderti le nuvole,

quell’inverno che ti fa male.

Curarti le ferite e poi,

qualche dente in più per mangiare.

E poi vederti ridere,

e poi vederti correre ancora.

Dimentica, c’è chi dimentica

Distrattamente un fiore una domenica

E poi… silenzi. E poi silenzi.

Nei giardini che nessuno sa

Si respira l’inutilità.

C’è rispetto grande pulizia,

è quasi follia.

Non sai come è bello stringerti,

ritrovarsi qui a difenderti,

e vestirti e pettinarti si.

E sussurrarti non arrenderti

nei giardini che nessuno sa,

quanta vita si trascina qua,

solo acciacchi, piccole anemie.

Siamo niente senza fantasie.

Sorreggili, aiutali,

ti prego non lasciarli cadere.

Esili, fragili,

non negargli un po' del tuo amore.

Stelle che ora tacciono,

ma daranno un segno a quel cielo.

Gli uomini non brillano

Se non sono stelle anche loro.

Mani che ora tremano,

perché il vento soffia più forte…

non lasciarli adesso no.

Che non li sorprenda la morte.

Siamo noi gli inabili,

che pure avendo a volte non diamo.

Dimentica, c’è chi dimentica,

distrattamente un fiore una domenica

e poi silenzi. E poi silenzi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Artista: Renato Zero

Album: Amore Dopo Amore

Titolo: Cercami

 

 

 

Cercami

come quando e dove vuoi

cercami

è più facile che mai

cercami

non soltanto nel bisogno

tu cercami

con la volontà e l’impegno...rinventami!

Se mi vuoi

allora cercami di più

tornerò

solo se ritorni tu

sono stato invadente

eccessivo lo so

il pagliaccio di sempre

anche quello era amore però...

Questa vita ci ha puniti già

troppe quelle verità

che ci son rimaste dentro...

Oggi che fatica che si fa

come è finta l’allegria

quanto amaro disincanto...

Io sono qui

insultami,feriscimi

sono così

tu prendimi o cancellami...

Adesso si

tu mi dirai che uomo mai...ti aspetti.

Io mi berrò

l’insicurezza che mi dai

l’anima mia

farò tacere pure lei

se mai vivrò

di questa clandestinità per sempre...

Fidati

che hanno un peso gli anni miei

fidati

e sorprese non avrai

sono quello che vedi

io pretese non ho

se davvero mi credi

di cercarmi non smettere no...

Questa vita ci ha puniti già

l’insoddisfazione è qua

ci ha raggiunti facilmente...

così poco abili anche noi

a non dubitare mai

di una libertà indecente

io sono qui

ti servirò ti basterò

non resterò

una riserva, questo no...

Dopo di che

quale altra alternativa può...salvarci!

Io resto qui

mettendo a rischio i giorni miei

scomodo si

perché non so tacere mai...

Adesso sai

senza un movente non vivrei..comunque.

Cercami...cercami...non smettere

 

Testi di Renato Zero

 

questa la dedico ad una persona molto importante della mia vita :folle:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Venite pure avanti, voi con il naso corto,

signori imbellettati, io più non vi sopporto!

Infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio

perché con questa spada vi uccido quando voglio.

Venite pure avanti poeti sgangherati,

inutili cantanti di giorni sciagurati,

buffoni che campate di versi senza forza,

avrete soldi e gloria ma non avete scorza;

godetevi il successo, godete finché dura,

ché il pubblico è ammaestrato e non vi fa paura,

e andate chissà dove per non pagar le tasse,

col ghigno e l'ignoranza dei primi della classe.

Io sono solo un povero cadetto di Guascogna

però non la sopporto la gente che non sogna.

Gli orpelli? L'arrivismo? All'amo non abbocco

e al fin della licenza io non perdono e tocco.

Facciamola finita, venite tutti avanti,

nuovi protagonisti, politici rampanti;

venite portaborse, ruffiani e mezze calze,

feroci conduttori di trasmissioni false,

che avete spesso fatto del qualunquismo un arte;

coraggio liberisti, buttate giù le carte,

tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese

in questo benedetto assurdo bel Paese.

Non me ne frega niente se anch'io sono sbagliato,

spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;

coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco

e al fin della licenza io non perdono e tocco.

Ma quando sono solo con questo naso al piede

che almeno di mezz'ora da sempre mi precede

si spegne la mia rabbia e ricordo con dolore

che a me è quasi proibito il sogno di un amore;

non so quante ne ho amate, non so quante ne ho avute,

per colpa o per destino le donne le ho perdute

e quando sento il peso d'essere sempre solo

mi chiudo in casa e scrivo e scrivendo mi consolo,

ma dentro di me sento che il grande amore esiste,

amo senza peccato, amo ma sono triste,

perché Rossana è bella, siamo così diversi;

a parlarle non riesco, le parlerò coi versi.

Venite gente vuota, facciamola finita:

voi preti che vendete a tutti un'altra vita;

se c'è come voi dite un Dio nell'infinito

guardatevi nel cuore, l'avete già tradito

e voi materialisti, col vostro chiodo fisso

che Dio è morto e l'uomo è solo in questo abisso,

le verità cercate per terra, da maiali,

tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali;

tornate a casa nani, levatevi davanti,

per la mia rabbia enorme mi servono giganti.

Ai dogmi e ai pregiudizi da sempre non abbocco

e al fin della licenza io non perdono e tocco.

Io tocco i miei nemici col naso e con la spada

ma in questa vita oggi non trovo più la strada,

non voglio rassegnarmi ad essere cattivo

tu sola puoi salvarmi, tu sola e te lo scrivo;

dev'esserci, lo sento, in terra o in cielo un posto

dove non soffriremo e tutto sarà giusto.

Non ridere, ti prego, di queste mie parole,

io sono solo un'ombra e tu, Rossana, il sole;

ma tu, lo so, non ridi, dolcissima signora

ed io non mi nascondo sotto la tua dimora

perché ormai lo sento, non ho sofferto invano,

se mi ami come sono, per sempre tuo Cirano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

dato che sono molti giorni che l'ascolto!! :lol:

 

**Patience - Guns and Roses**

Shed a tear 'cause I'm missin' you

I'm still alright to smile

Girl, I think about you every day now

Was a time when I wasn't sure

But you set my mind at ease

There is no doubt

You're in my heart now

 

Said, woman, take it slow

It'll work itself out fine

All we need is just a little patience

Said, sugar, make it slow

And we come together fine

All we need is just a little patience

(patience)

Mm, yeah

 

I sit here on the stairs

'Cause I'd rather be alone

If I can't have you right now I'll wait, dear

Sometimes I get so tense

But I can't speed up the time

But you know, love

There's one more thing to consider

 

Said, woman, take it slow

And things will be just fine

You and I'll just use a little patience

Said, sugar, take the time

'Cause the lights are shining bright

You and I've got what it takes

To make it,

We won't fake it,

I'll never break it

'Cause I can't take it

 

...Little patience, mm yeah, mm yeah

Need a little patience, yeah

Just a little patience, yeah

Some more patience, yeah

Need some patience, yeah

Could use some patience, yeah

Gotta have some patience, yeah

All it takes is patience,

Just a little patience

Is all you need

 

 

--ecco anche la traduzione-- :lol:

 

**Pazienza**

Versavo lacrime perché mi manchi

Sto abbastanza bene per sorridere

Ragazza ti penso ogni giorno ora

C’era un periodo in cui non mi sentivo sicuro

Ma tu mi mettevi a mio agio Non ho dubbi

Sei nel mio cuore ora

 

Amore ti dico di andarci piano

Andrà tutto bene

Tutto quello di cui abbiamo bisogno è giusto un po’ di pazienza

Dolcezza ti dico di andarci piano

Ed insieme staremo bene

Tutto quello di cui abbiamo bisogno è giusto un po’ di *pazienza

 

Siedo qua sulle scale

Perché preferisco stare solo

Se non posso averti subito

Aspetterò, tesoro

A volte mi sento così teso

Ma non posso forzare il tempo

Ma sai, l’amore

È l’unica cosa da considerare

 

Amore ti dico di andarci piano

Penso che andrà tutto bene

Io e te dobbiamo giusto avere un po’ di pazienza

Tesoro prendi tempo

Perché le luci brilleranno

Io e te abbiamo quello che ci vuole

Non lo raggireremo

Ah, non distruggerò mai questa cosa

Penso di non poterlo fare

 

..un po di pazienza, mm yeah, mm yeah

c’è bisogno di un po di pazienza, yeah

solo un po di pazienza, yeah

un po di piu di pazienza, yeah

c’è bisogno di un po di pazienza, yeah

Si può usare un po di pazienza, yeah

Bisogna avere un po di pazienza, yeah

Per tutto ci vuoel pazienza, yeah

Solo un po di pazienza, yeah

È tutto ciò di cui hai bisogno

 

Sto camminando per le strade stanotte

Cerco di capire bene

È difficile vedere quando c’è tanta cosa attorno

Sai che non mi piace essere bloccato tra la folla

E le strade non cambiano, ma bambina i nomi

Non ho tempo per questo gioco

Perché ho bisogno di te,

Yeah ma ho bisogno di te,

Oh ho bisogno di te,

Woh ho bisogno di te,

Oh questa volta

Share this post


Link to post
Share on other sites

VERDENA - CORTECCIA NELL'UP-NEA

 

Come sto se vedo a malapena?

Mi perdo nei giorni neri

Li crei tu.

 

Fai di me l'anima più fredda

Ci sei tu nelle mie vene

e le curi pure.

 

Se affondo nell'apnea

non piove più

 

Quante sono le risposte?

Ti prendi il mondo intero

e non torni più

 

Se affondo nell'apnea

non dormo più

 

Dove sto se ti vedo in bocca?

E' come sudare al sole

che non c'è più

 

Se affondo nell'apnea

 

Questa è una canzone per lei

che infetta la ragione lo sai

fra mille mie parole ci sei

ma non mi avrai

 

Lo so che non è giusto però

spero rimarrai per un po'

fra mille combustioni ci sei

ma non mi avrai

non mi avrai

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono arrivato tardi...mannaggia mafalda... mi hai anticipato col Guccio, vebbè io ne posto un altra <_>

PS: mi sono innamorato perdutamente... del gattino che hai per avatar!!!

 

Autore: Francesco Guccini

Titolo:Farewell

Album:Parnassius Guccinii

 

E sorridevi, e sapevi sorridere,

coi tuoi vent'anni portati così,

come si porta un maglione sformato su un paio di jeans;

come si sente la voglia di vivere

che scoppia un giorno e non spieghi il perché:

un pensiero cullato o un amore che è nato e non sai che cos'è.

Giorni lunghi tra ieri e domani, giorni strani,

giorni a chiedersi tutto cos'era, vedersi ogni sera;

ogni sera passare su a prenderti

con quel mio buffo montone orientale,

ogni sera là, a passo di danza, salire le scale

e sentire i tuoi passi che arrivano,

il ticchettare del tuo buonumore,

quando aprivi la porta il sorriso ogni volta mi entrava nel cuore.

Poi giù al bar dove ci si ritrova, nostra alcova,

era tanto potere parlarci, giocare a guardarci,

fra gli amici che ridono e suonano,

attorno ai tavoli pieni di vino,

religione del tirare tardi e aspettare mattino;

e una notte lasciasti portarti via,

solo la nebbia e noi due in sentinella,

la città addormentata non era mai stata così tanto bella.

Era facile vivere allora, ogni ora,

chitarre e lampi di storie fugaci, di amori rapaci,

e ogni notte inventarsi una fantasia,

da bravi figli dell'epoca nuova,

ogni notte sembravi chiamare la vita a una prova.

Ma stupiti e felici scoprimmo che

era nato qualcosa più in fondo,

ci sembrava di avere trovato la chiave segreta del mondo.

Non fu facile volersi bene, restare assieme

o pensare d'avere un domani, restare lontani;

tutti e due a immaginarsi: "Con chi sarà?"

In ogni cosa un pensiero costante,

un ricordo lucente e durissimo, come il diamante,

e a ogni passo lasciare portarci via

da un'emozione non piena, non colta:

rivedersi era come rinascere ancora una volta.

Ma ogni storia ha la stessa illusione, sua conclusione,

e il peccato fu creder speciale una storia normale.

Ora il tempo ci usura e ci stritola

in ogni giorno che passa correndo,

sembra quasi che ironico scruti e ci guardi irridendo.

E davvero non siamo più quegli eroi

pronti assieme ad affrontare ogni impresa;

siamo come due foglie aggrappate ad un ramo in attesa.

Farewell, non pensarci e perdonami

se ti ho portato via un poco d'estate

con qualcosa di fragile come le storie passate.

Forse un tempo poteva commuoverti

ma ora è inutile, credo, perché

ogni volta che piangi e che ridi non piangi e non ridi con me.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Autore: Gatto Panceri

Titolo: Mia

 

Quanto ti ho sentita mia

quando siam rimasti cinque giorni a letto

chiusi dentro casa mia

quanto ti ho sentita mia

quando ti ho spogliata e t'ho messo il pigiama

quanto ti ho sentita mia

dentro a quel vagone mentre il treno

che fischiava ci portava via

e quanto ti ho sentita mia

lungo strade assolate di periferia

con le gomme bucate e le bici parcheggiate

dietro un grosso cespuglio d estate

 

quanto ti ho sentita mia

quando mi chiedevi prima di un esame

di provarti a interrogare

quanto ti ho sentita mia

quando ti ho insegnato sopra il ghiaccio a pattinare

e quanto ti ho sentita mia

in quel vecchio ferroso letto di corsia

mi stringevi la mano eri sotto anestesia

io pregavo e per te stavo male

Tu sei mia...quando vuoi

ma sei mia, mia

tu vai via...tornerai

perchè sei mia

quanto tu non lo sai

 

tu sei mia mia mia, mia mia mia, mia mia mia o no

tu mi ami ami ami, ami ami ami, ami ami ami o no

tu sei mia mia mia, mia mia mia, mia mia mia o no

tu mi ami ami ami, ami ami ami, ami ami ami o no

 

e quanto ti ho sentita mia

anche quando mi hai detto "io devo andare via"

e hai gridato "e finita" ma era una bugia

prima o poi tu dovrai ritornare

 

perché sei mia... quando vuoi

ma sei mia, mia

tu vai via...tornerai

perché sei mia

mia… dove vai che sei mia

quanto tu non lo sai

quanto tu non lo sai

tanto... tu non lo sai

 

Bellissima :megalol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Who's Online   0 Members, 0 Anonymous, 182 Guests (See full list)

    There are no registered users currently online

×