Jump to content
gavroche

Berlusconi: "Basta evasione fiscale"

Recommended Posts

Dal corriere della sera:

«BASTA CONDONI, PIU' CONTROLLI» - A chi gli chiedeva di non riproporre più i condoni che hanno caratterizzato la sua precedente esperienza di governo, Berlusconi ha spiegato che quelle sanatorie hanno avuto comunque un merito: quello di portare chi ha usufruito dei condoni a dichiarare sempre di più di quanto indicato in occasione del condono. «Ora però punteremo su un maggiore contrasto all'evasione e all'elusione fiscale» ha annunciato Berlusconi e «chiederemo la collaborazione dei Comuni per il controllo della congruità delle dichiarazioni dei redditi presentate dai cittadini». L'obiettivo, secondo il leader del Pdl, è che lo Stato «arrivi a introitare almeno l'1% all'anno dell'evasione fiscale attuale». Resta però l'obiettivo di facilitare il compito ai cittadini-contribuenti, con la riproposizione dell'aliquota massima del 33% sul reddito da lavoro. E questo obiettivo, ha puntualizzato, «è possibile solo se sono di più quelli che pagano».

 

Ho il sospetto che la dichiarazione sia stata anticipata ad oggi 31 marzo perchè domani nessuno ci avrebbe creduto.... :folle::folle::folle:

Share this post


Link to post
Share on other sites
«chiederemo la collaborazione dei Comuni per il controllo della congruità delle dichiarazioni dei redditi presentate dai cittadini»

Ho il sospetto che la dichiarazione sia stata anticipata ad oggi 31 marzo perchè domani nessuno ci avrebbe creduto.... :D :folle::folle:

Se non ci fosse alcun contrasto all'evasione la colpa sarà dei Comuni :) scherzo è, comunque... e da prete

 

E' come la minaccia NBC (nuclear-batterio-chimica) dei terroristi: "l'Italia è pronta già da oggi" e i pompieri si sono visti recapitare una tutina che "garantisce" 15 minuti di tenuta + un corsetto di 20 ore... tenuto da uno di loro che a sua volta aveva fatto un corsetto di 20 ore (x 1 volta non avevano pagato fogli da cinquecento a qualche "superesperto")

 

soluzione pronta, cetriolo pure, i culi in cui infilarlo idem

Edited by Makko

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest TILT
«chiederemo la collaborazione dei Comuni per il controllo della congruità delle dichiarazioni dei redditi presentate dai cittadini»

Ho il sospetto che la dichiarazione sia stata anticipata ad oggi 31 marzo perchè domani nessuno ci avrebbe creduto.... :D :folle::folle:

Se non ci fosse alcun contrasto all'evasione la colpa sarà dei Comuni :) scherzo è, comunque... e da prete

 

E' come la minaccia NBC (nuclear-batterio-chimica) dei terroristi: "l'Italia è pronta già da oggi" e i pompieri si sono visti recapitare una tutina che "garantisce" 15 minuti di tenuta + un corsetto di 20 ore... tenuto da uno di loro che a sua volta aveva fatto un corsetto di 20 ore (x 1 volta non avevano pagato fogli da cinquecento a qualche "superesperto")

 

soluzione pronta, cetriolo pure, i culi in cui infilarlo idem

 

 

Me lo ricordo ancora l' addestramento NBC....

:biggrin2:

 

Una maschera degli anni 1940 con annesso filtro che non avrebbe dovuto far passare

le polveri radioattive/chimiche/batteriologice....

peccato però che non ci passava nemmeno l' ossigeno e dopo 5 minuti

si perdeva anche la capacità di prendere la mira

e dopo altri 5 minuti eravamo tutti in terra collassati per anossia con frequenza cardiaca

che superava abbondantemente i 200.

:folle:

 

In più ci avevano fornito di una copertina sottile sottile per proteggerci dal falldust...

come se le radiazioni avessero timore di passare per quella sottiletta.

:blink:

 

In più una siringa con dentro uno stimolante potentissimo....

giusto il tempo per prolungarti l' agonia di altri 10 minuti.

:yeah:

 

Guanti e creme sigillanti per le parti del corpo scoperte...

con la controindicazione che se per puro caso eri scampato alla minaccia NBC

ti saresti schiattato per la tossicità di quelle creme.

:asd:

 

Beh !!! In caso di minaccia NBC l' unica vera soluzione, per un militare, è puntarsi l' arma alla tempia

recitare al volo un Pater Noster e spararsi.

:asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Già... il VdF del 4° piano me la metteva un po' amara:

 

Allora, io scendo nella Metro, magari Pzza di Spagna così vado proprio al 3°-4° girone... c'è ancora qlcno che si muove boccheggiando... lo soccorro? Con quale attrezzatura? Che gli fai a uno che soffoca nel Sarin? E lui che fà!?!?

 

9 su 10 che passerei il tempo del sopralluogo a pestare poveracci disposti a uccidermi per rubarmi la maschera

 

Ci mandano giù x controllare che non ci sia più nessuno che si muove. Se è così, torniamo su (anche con qualcuno in spalla, ma tanto ogni squadra "attrezzata" c'è sì e no UNA tuta) e solo allora tocca ai paramedici raccogliere almeno quelli da rianimazione.

 

Due gg dopo tocca al Genio.

Da subito, fuori, giornalisti a paccare sulle spalle politici e boss della Prot Civile

 

E siccome se crepi è dopo due anni, neanche sei un eroico caduto a cui intestare una caserma o una rimessa.

 

 

Dopo questo riassunto, quel "l'Italia è pronta!" di Pisanu nn mi sembrava + solo 1 fanfaronata.

Un po' di :) "voglia di Sniper" ce l'avevo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho il sospetto che la dichiarazione sia stata anticipata ad oggi 31 marzo perchè domani nessuno ci avrebbe creduto.... :worthy: -_- :folle:

 

Solo in un caso Berlusconi potrà varare veramente leggi contro l'evasione fiscale: quello in cui l'ultimo comma reciti "Berlusconi escluso"

 

Come si può credere che il più grande imprenditore italiano remi contro se stesso ? Sarebbe come mettere Agnelli a capo del sindacato degli operai...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solo in un caso Berlusconi potrà varare veramente leggi contro l'evasione fiscale: quello in cui l'ultimo comma reciti "Berlusconi escluso"

Serve vararne di nuove?

Non basta applicare quelle che ci sono già? Per combattere l'evasione fiscale è sufficiente che Ministero delle Finanze e Guardia di Finanza facciano i normali controlli. Il Governo Prodi ha probabilmente dato direttive in tal senso (meno "lavoro" d'ufficio e più controlli) e forse il precedente Governo Berlusconi aveva dato direttive opposte... non lo so.

Mio cognato fa proprio quel lavoro... so che si organizzano per settori di attività (passano tutte le imprese edili, poi tutti gli imbianchini, poi tutte le pizzerie, poi tutte le gioiellerie, ecc.) attenendosi agli studi di settore e alle leggi già vigenti... e ne prendono a carrettate.

Mi ha anche detto, comunque, che alla fine conviene di più evadere:

- i finanzieri devono dimostrare l'effettiva evasione e in mancanza di prove concrete si basano sugli studi di settore che 9 volte su 10 sono molto più bassi dell'importo evaso

- se patteggi e paghi subito ottieni sconti su multe e interessi vari

Alla fine, di solito, paghi comunque meno di quello che avresti pagato dichiarando tutto.

Il caso di Valentino Rossi, ad esempio, è clamoroso perché si parla di milioni di euro evasi e recuperati, ma è identico al caso della "Lulla D.I. - Imbianchino". Rossi è passato da teorici 100 milioni di evaso + penali + multe + interessi a versare circa 35 milioni... per l'imbianchino si parla di migliaia di euro invece che di milioni, ma il concetto è lo stesso.

Edited by Lullaby71

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine, di solito, paghi comunque meno di quello che avresti pagato dichiarando tutto.

Il caso di Valentino Rossi, ad esempio, è clamoroso perché si parla di milioni di euro evasi e recuperati, ma è identico al caso della "Lulla D.I. - Imbianchino". Rossi è passato da teorici 100 milioni di evaso + penali + multe + interessi a versare circa 35 milioni... per l'imbianchino si parla di migliaia di euro invece che di milioni, ma il concetto è lo stesso.

 

Questo funziona solo con i grandi evasori per i quali credo lo stato usi il metodo di "meglio pochi, maledetti e subito", anche perchè sanno che chi ha molti milioni di euro piuttosto che pagarli veramente tutti in tasse le spende in avvocati.

 

Con il piccolo evasore, come appunto l'imbianchino, che fattura 50.000 euro all'anno e ne paga di tasse 25.000 se dichiara tutto, l'evaderne 10.000 gli potrebbe costare molto caro, se lo beccano.

Il fatto di intensificare i controlli può costare più ai controllori che al controllato, però manda a tutti gli altri piccoli evasori il messaggio che ora è più rischioso di prima evadere, e si danno una regolata.

 

Non è sicuramente il metodo migliore, ma è sempre meglio che l'impunità berlusconiana...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti c'è anche PIU' che semplici "segnali" (il + importante dei quali è stato annunciare "mai + condoni")

 

sono state ridotte le possibilità di fare appello in sede di contenzioso tributario, questo per tagliare via un po' di tattiche dilatorie automatiche che rimandavano di lustri il momento dell'incasso da quello dell'accertamento.

 

Già col precedente governo Prodi era stata incoraggiata una maggiore "dialettica" pre-contenzioso fra le Finanze e il contribuente

[io ne ho usufruito: mi hanno chiesto c.a 5.000€ :blink: xké mi avevano negato la detraz del mutuo x un difetto di documentazione, + sanzioni + interessi + moltiplicazione x un paio d'anni, ecc.

Sono andato lì a faccenda già esecutiva, con prove esclusivamente "indirette" (il contratto di mutuo e una letterina della banca che nn avevo rate in sospeso) e il dirigente mi ha riconosciuto tutto tranne una sanzione di 170€ x nn mi ricordo cosa]

 

Nonché l'introduzione del "ravvedimento operoso" (= prima dell'accertamento, pagare tutto senza sanzioni né interessi).

 

Più l'informatizzazione.

[sempre nell'episodio di sopra, il dirigente controllava in tempo reale al PC ogni cosa che dicevamo io e il commercialistta: clic clic clic "sì, mi risulta" "eh, ma qui dice... mi può spiegare meglio?"]

 

 

Quanto alla mazzata da accertamento, io ho assistito da collaboratore esterno al massacro di una coop.

 

Il Tenente a un certo punto ha preso una dirigente in lacrime e le ha detto:

Guardi che non è nostro interesse farvi chudere. Se chiudete non paga nessuno.

Il nostro interesse è scoprire qual'è il massimo che possiamo farvi pagare senza mettervi in ginocchio, comprese le spese di contenzioso, tenuto conto degli inevitabili sconti del 50% concordati in Commiss Tributaria, calcolando le vs possibilità di produrre utili e proporzionandole alle rateazioni della cifra.

Cioè sarà molto meno di quanto dovreste allo Stato se fossimo qui solo x levarci la infantile soddisfazione di sapere quanto avete realmente evaso e applicare tutte le sanzioni applicabili.

In realtà, finirete x dovere meno anche del semplice evaso effettivo.

A occhio vi costerà 20 milioni.

 

E così è stato: hanno prima di tutto stimato la potenzialità di reddito, poi hanno cercato l'evasione (facendo un mazzo inverosimile: era una scuola di musica, danza, pittura, ecc e hanno inviato oltre 3.000 :folle: convocazioni di interrogatorio a tutti i corsisti delgi ultimi 5 anni), fino a raggiungere una sanzione complessiva di 40 milioni, poi di colpo si sono fermati. C'era molto altro da cercare ma nn glien'è fregato di meno.

Il concordato è stato di 20 milioni, la rateizzazione ha permesso alla coop di pagare non ostante gli incassi fossero tutti "in bianco", continuando l'attività, facendo campicchiare i gestori, dandogli il tempo di riprendersi dalla bastonata d'immagine...

 

a tutt'oggi la scuola esiste e và anche bene

E i dirigenti... lesson taken... sono parecchio ligi e tutto sommato contenti di tirare la carretta con qualche lira in meno in tasca a parità di cxlo.

Mazzo che si sono comunque sempre fatti, prima e dopo: il punto che sono una realtà economica sana

 

 

Fai un accertam su una realtà economica che senza il nero non sopravvive e ovviamente và a zampe all'aria

Ma, x la mia statisticam limitata esperienza, i primi 5 anni di un'attività non gli interessano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meno evasori e più morti di fame... viva l'Italia!!

 

Ragazzi.... ve lo chiedo così, per curiosità: avete idea di quale sia la mentalità che spinge il piccolo evasore ad evadere comunque a fronte dei rischi affrontati? No?

Ve lo posso suggerire?

O così... o si chiude bottega!! E il rischio di chiudere l'attività in seguito ad un controllo dei finanzieri è meglio del fatto concreto di dover chiudere subito perchè lo stato mangia... mangia... e mangia ancora fregandosene del fatto che le attività non ce la fanno a sostenere una pressione fiscale simile in stato di stagflazione (sopratutto le piccole... le grandi pagano avvocati, finanziarie e chi più ne ha più ne metta per spendere di meno - nel più legale dei casi).

 

L'evasore è sempre il malvagio di turno che mangia alle spalle di chi, come me, lavora da dipendente e le tasse le paga per forza perchè gliele detraggono dallo stipendio? O siamo noi i pecoroni invidiosi della libertà, pagata peraltro a caro prezzo, altrui?

Share this post


Link to post
Share on other sites

O così... o si chiude bottega!!

 

Non sarà mai una giustificazione. Le tasse in Italia sono sempre state alte, pertanto chi ha aperto questa "bottega" lo ha fatto mettendo già in conto l'evasione, ergo: non la doveva aprire, altrimenti io domani faccio una piantagione di marijuana nel mio giardino e mi giustifico nello stesso modo.

Diverso sarebbe se le tasse fossero partite molto basse e fossero all'improvviso raddoppiate, allora capirei la tesi della "difesa della propria attività".

 

Diciamo piuttosto che ci sono attività che se non evadono non riescono ad essere competitive sul mercato, semplicemente perchè tutti i loro concorrenti sono evasori. Un imbianchino che fa la fattura a tutti i suoi clienti sarebbe obbligato a proporre tariffe che in pochi accetterebbero, ma se tutti gli imbianchini facessero la fattura, allora la tariffa sarebbe quella, e verrebbe accettata come giusta.

 

Senza gli evasori, senza i disonesti, non potrebbero esistere attività che "o evadono o chiudono", perchè il mercato si autoregolamenta, le tariffe sarebbero comprensive della pressione fiscale... per tutti.

 

L'evasore è sempre il malvagio di turno che mangia alle spalle di chi, come me, lavora da dipendente e le tasse le paga per forza perchè gliele detraggono dallo stipendio?

 

Se è malvagio non lo so, ma è disonesto, e sottrae denaro agli onesti, e fidati che non c'è solo gente che le paga "per forza" le tasse. Se mi giustifichi la disonestà sul piano della "difesa della propria condizione economica" allora mi devi giustificare anche chi va a rubare in una villa per campare un paio di settimane, o chi ruba 4 gomme ad una macchina per mangiare il giorno dopo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meno evasori e più morti di fame... viva l'Italia!!

 

Ragazzi.... ve lo chiedo così, per curiosità: avete idea di quale sia la mentalità che spinge il piccolo evasore ad evadere comunque a fronte dei rischi affrontati? No?

Si. La BMW entro il 3° anno di attività ;)

 

L'illusione che la libera iniziativa sia AUTOMATICAMENTE + redditizia del lavoro dipendente.

 

Ma non funziona così...

 

lo stato PROTEGGE l'intrapresa e l'imprenditore x il fine di far girare l'economia. Gli permette di contrarre obbligazioni che a un privato costerebbero (se non onorate) la casa, la famiglia e la vita, gli permette di sbagliare e limita la rivalsa della società sugli errori dell'imprenditore (errori! I reati è un'altra storia).

 

E perché lo stato concede questa protezione? Perché l'intrapresa è un'attività AD ALTO RISCHIO: se a questo rischio non metti delle reti di protezione, nessuno farebbe impresa e l'economia ne risentirebbe.

 

 

Quello che "gira" nella mentalità diffusa è la "protezione" ma non il "rischio".

Per cui aprono attività come se fosse fare una scommessina all'ippodromo.

Nel commercio circa il 50% delle attività chiude entro il 3° anno di vita, metà di queste (cioè il 25% del totale delle nuove attività) per fallimento.

E la finanza nn c'entra niente xké sono molto tolleranti con le nuove imprese. La pressione fiscale è previsto che non gravi sulle nuove imprese.

Ma quando vai a regime la storia cambia: o sei DAVVERO produttivo o hai scommesso sul cavallo sbagliato.

E allora l'unico esito, finanza o non finanza, tasse o non tasse, è che si sono +/- rovinati x ingrassare i fornitori e le banche che gli hanno concesso prestiti.

E' un modo anche questo di far girare l'economia ;) ...che pagano i seguaci della "corsa all'oro" lanciata coi "milioni di partite IVA".

E quando stirano le zampe, invece di prendersela con gli ha veramente tirato la trappola (i pubblicitari del "sogno americano" improbabilmente trapiantato in un Italia dall'economia stagnante), se la prendono con tasse e GdF, che non gli avevano mai promesso altro da quello che poi effettivamente fanno.

 

 

Quelli (moltissimi) che aprono un'attività pensandola come alternativa alla difficoltà di trovare lavoro dipendente fanno di massima 3 errori:

1] Non calcolano che la mentalità imprenditoriale è un requisito indispensabile e senza il quale faresti meglio a stare moooolto alla larga dall'intrapresa.

2] Non sanno la differenza fra "ricarico" e "valore aggiunto" (=tentano di vendere frigoriferi agli eschimesi)

3] Non capiscono che il guadagno VERO deriva prima di tutto dalla propria capacità di fottere l'acquirente di ciò che hai da vendere (suona brutale ma in sostanza il "successo" deriva da questo). L'alternativa è campicchiare alla meno peggio correndo molti + rischi di un dipendente (e di un libero professionista).

 

 

 

 

 

Nota: fra gli ingredienti del successo ci sarebbe anche il fatto che devi rassegnarti a metterla in cxlo il + profondamente possibile ai tuoi eventuali dipendenti (che possono essere consorti, figli, fidanzati, ecc), ma questo nn è un grosso problema x nessuno

Edited by Makko

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dimenticavo:

che i garibaldini, i partigiani, ecc hanno abbiano dato la vita con l'intento di permettere a dentisti, orefici, avvocati, piccoli commercianti e artigiani di evadere le tasse la vedo un pelino debole come argomentazione ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo funziona solo con i grandi evasori per i quali credo lo stato usi il metodo di "meglio pochi, maledetti e subito", anche perchè sanno che chi ha molti milioni di euro piuttosto che pagarli veramente tutti in tasse le spende in avvocati.

 

Con il piccolo evasore, come appunto l'imbianchino, che fattura 50.000 euro all'anno e ne paga di tasse 25.000 se dichiara tutto, l'evaderne 10.000 gli potrebbe costare molto caro, se lo beccano.

Il fatto di intensificare i controlli può costare più ai controllori che al controllato, però manda a tutti gli altri piccoli evasori il messaggio che ora è più rischioso di prima evadere, e si danno una regolata.

 

Non è sicuramente il metodo migliore, ma è sempre meglio che l'impunità berlusconiana...

No.

Ti ho detto che mio cognato fa gli accertamenti fiscali.

Vale per tutti, non solo per i grandi evasori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meno evasori e più morti di fame... viva l'Italia!!

 

Ragazzi.... ve lo chiedo così, per curiosità: avete idea di quale sia la mentalità che spinge il piccolo evasore ad evadere comunque a fronte dei rischi affrontati? No?

Ve lo posso suggerire?

O così... o si chiude bottega!! E il rischio di chiudere l'attività in seguito ad un controllo dei finanzieri è meglio del fatto concreto di dover chiudere subito perchè lo stato mangia... mangia... e mangia ancora fregandosene del fatto che le attività non ce la fanno a sostenere una pressione fiscale simile in stato di stagflazione (sopratutto le piccole... le grandi pagano avvocati, finanziarie e chi più ne ha più ne metta per spendere di meno - nel più legale dei casi).

 

L'evasore è sempre il malvagio di turno che mangia alle spalle di chi, come me, lavora da dipendente e le tasse le paga per forza perchè gliele detraggono dallo stipendio? O siamo noi i pecoroni invidiosi della libertà, pagata peraltro a caro prezzo, altrui?

 

La mia ragazza è titolare di un negozio quindi sono nel campo e posso rispondere io.

 

Lei fa così: valuta ogni mese quanto ha incassato, ci toglie i costi, le TASSE e poi vede cose le rimane. A volte pochissimo (e intendo pochissimo davvero) a volte di più ( e comunque guadagna mediamente come una impiegata). Stupida? Forse, d'altronde è onesta per mentalità...

 

Altri commercianti che conosco invece ragionano al contrario:

Prima tolgono il loro stipendio, poi calcolano i costi (e quelli non possono evitarli) e poi rimangono le tasse. Siccome quelle son facili da evadere si evadono.

 

P.S: Soltanto negli ultimi 2 anni la finanza ha iniziato a controllare tutta la zona, entrare nei negozi per controlli, chiedere scontrini agli acquirenti... Prima non si sono mai visti...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Who's Online   0 Members, 0 Anonymous, 126 Guests (See full list)

    There are no registered users currently online

×